Come accedere ai siti bloccati e oscurati in Italia: ecco tutte le soluzioni disponibili | Colombo'S Blog

Come accedere ai siti bloccati e oscurati in Italia: ecco tutte le soluzioni disponibili

30 maggio 2013

Informatica

anonymous--180x140

 

In questi ultimi mesi in Italia viene bloccato un numero sempre maggiore di siti internet. Spesso si tratta di siti che permettono di scaricare materiale protetto dal diritto d’autore, ma capita anche che dall’Italia vengano bloccati portali di altro tipo.

Ad esempio, se provate ad accedere a servizi come Hulu o Netflix dall’Italia, non riuscirete a fruire del servizio. In alcuni casi il blocco imposto dalle autorità italiane è giusto, ma in altri casi questi blocchi sono assolutamente senza senso e non fanno altro che procurare danni all’utente finale.

Pensate al blocco di Uploaded, Rapidgator (ora sbloccato) e tutti gli altri: molti utenti avevano regolarmente comprato (pagandolo) un account premium su questi siti per archiviare i propri file sullo spazio cloud messo a disposizione dai servizi. E adesso, per colpa di un provvedimento preso in fretta e furia, questi siti non sono più accessibili dal nostro Paese. O pensate ancora a Netflix e Hulu, due servizi fantastici che da noi non sono presenti per colpa di Sky, che deve monopolizzare le serie TV, che, a fronte di un pagamento di un piccolo canone mensile, permettono di guardare in streaming tantissime serie TV.

 

Insomma, se anche voi siete stanchi di dover sottostare a tutte queste ingiuste e insensate limitazioni e volete navigare il web senza limiti, blocchi o imposizioni, oggi vedremo insieme come fare per accedere a qualsiasi sito internet direttamente dal vostro browser. Riuscirete in pochi istanti ad accedere anche a quei portali che in Italia risultano bloccati o oscurati e che normalmente non sarebbero accessibili.

Con questa guida, dunque, potrete accedere senza problemi a siti come Futubox, DDLHits, Uploaded, Rapidgator, Netflix, Hulu, Pandora e tutti gli altri.

Ovviamente assumetevi tutte le responsabilità dell’uso che farete di questa guida. Io, ad esempio, la uso per acquistare un regolare account su Netflix, quindi non faccio nulla di illegale. Se invece usate questa guida per guardare Futubox o per scaricare materiale protetto da diritti d’autore, assumetevi tutte le responsabilità del caso.

Ad ogni modo, consci del fatto che siete responsabili di ciò che fate, proseguiamo con la guida evediamo i tantissimi metodi a disposizione per accedere a tutti quei siti o portali bloccati dall’Italia. Abbiamo a disposizione davvero tanti metodi, cercherò di consigliarvi quelli più semplici e migliori.

Come accedere ai siti bloccati e oscurati in Italia – Metodo 1

Il metodo migliore, gratuito e più semplice è sicuramente rappresentato dall’accoppiata Browser internet Firefox + plugin Anonymox. Entrambi sono gratuiti e funzionano alla perfezione in coppia. Dovete scaricare e installare il browser Firefox, successivamente scaricate e installate l’estensione Anonymox. Attivatela e sarete liberi di navigare su qualsiasi sito internet bloccato e oscurato dall’Italia. Uso questa combinazione da tempo, senza aver mai avuto un problema. E’ la soluzione più facile ed efficiente.

Come accedere ai siti bloccati e oscurati in Italia – Metodo 2

Come metodo alternativo potete usare il browser internet TOR. E’ gratuito e completamente anonimo: vi consente di navigare su internet in completo anonimato, senza rischi. Inoltre consente di accedere a tutti quei siti bloccati in Italia. Ogni tanto, però, la velocità di navigazione rallenta: è consigliato per navigare, ma non per guardare filmati in streaming.

Maggiori dettagli: https://www.torproject.org/projects/torbrowser.html.en

Usarlo è facile: quando scaricate il programma, cliccate su “start tor browser”, aspettate che si colleghi alla rete e a questo punto potrete navigare in anonimato sul web con il browser internet. Per ricevere una nuova identità e quindi un nuovo ip, basta cliccare sulla cipolla e fare nuova identità.

Come accedere ai siti bloccati e oscurati in Italia – Metodo 3

Potete usare dei proxy esterni come HidemyassAnonymouse e Incloak. Sono facili da usare, ma personalmente non mi soddisfano perchè spesso caricano i siti solo parzialmente o si bloccano nel caricamento. Sono tutti gratis, ma mostrano delle pubblicità mentre navigate (che sono anche molto fastidiose).

Come accedere ai siti bloccati e oscurati in Italia – Metodo 4

Potete usare il programma ULTRASURF. E’ un’ottima soluzione che vi consente di cambiare indirizzo IP. In pratica, quando proverete ad accedere ai portali che sono bloccati in Italia, avrete un indirizzo IP mascherato, in modo che sembri che vi troviate negli USA o in UK. In questo modo tutti i siti normalmente bloccati torneranno accessibili facilmente. E’ una soluzione semplice, immediata e che funziona bene. Bisogna però scaricare e installare un programma sul vostro PC Windows. Niente di troppo complicato comunque.

Come accedere ai siti bloccati e oscurati in Italia – Metodo 5

Anche questo è un metodo che consiglio vivamente, però è a pagamento. Questo metodo consiste nell’utilizzo di una rete VPN. Se non sapete cosa è una VPN, qui trovate tutte le info che vi servono:

VPN: COSA È, COME FUNZIONA, A COSA SERVE

Per consentire agli utenti di ciascuna uscita del tunnel di leggere i dati, è necessario, naturalmente, che tutti i componenti della rete VPN utilizzino lo stesso protocollo. Esistono naturalmente vari protocolli con livelli di protezione diversi: PPTP (Point-to-Point Tunneling Protocol), L2F (Layer Two Forwarding), L2TP (Layer Two Tunneling Protocol) e IPSec. I protocolli PPTP e IPSec offrono il livello di protezione più elevato.
Il protocollo PPTP permette di incapsulare i pacchetti dati in un datagramma IP al fine di creare una connessione punto-a-punto. In questo caso, i dati vengono protetti a due livelli poiché i dati sulla rete locale (come gli indirizzi dei PC) vengono incapsulati in un messaggio PPP che è a sua volta incapsulato in un messaggio IP. IPSec offre tre moduli (Authentication Header, Encapsulating Security Payload e Security Association) che ottimizzano la protezione, garantendo la riservatezza, l’integrità e l’autenticazione dei dati.

Quale VPN usare

Ci sono molti tipi di VPN. Alcune sono gratuite, altre sono a pagamento, ma non si tratta di prezzi astronomici (5/10 dollari al mese). Tra le VPN a pagamento più popolari vi segnaliamo Hamachi, Private Internet Access e Astrill. Tra quelle gratuite, si consigliano Shrew Soft, Comodo Unite e la versione basic gratuita di Hamachi.

Potete provare questi:

  • http://torrentfreedom.com/
  • http://www.perfect-privacy.com/
  • http://www.strongvpn.com/
  • http://hidemyass.com/vpn/
  • https://kebrum.com/
  • http://vpn.insorg.org/

Su Android, invece, vi consiglio di usare questo: HOTSPOT SHIELD VPN, è gratuito e funziona alla perfezione.

Ad ogni modo, tutti i migliori servizi per creare una VPN sono a pagamento. Io consiglio vivamente di usare VPNTUNNEL: costa poco (4€ al mese o 30€ all’anno) e funziona su PC, smartphone e tablet. Una volta che lo avrete configurato, quindi, sarete liberi di navigare dove vorrete, come vorrete e quando vorrete, senza alcun blocco e senza nessuna limitazione. Anche i video in streaming funzionano alla perfezione. Io lo utilizzo per navigare in rete anche da iPad e tablet Android: è facile da configurare, ci sono tutte le info di cui ho bisogno sul sito (in inglese) e non ho mai avuto problemi. Lo consiglio caldamente.

Fine.

Questi erano i metodi attualmente disponibili per navigare dall’Italia su quei siti e portali che sono bloccati o oscurati. Ovviamente esistono tanti altri metodi, ma questi sono stati testati da me e quindi vi posso dare un riscontro preciso e affidabile sul loro funzionamento.

Se ne conoscete altri, lasciate un commento e cercheremo di fare una lista completa, in modo da aiutare tutti gli utenti in difficoltà.

N.B.: tutti i link e i file eventualmente presenti nell’articolo NON sono stati caricati da noi, ma semplicemente trovati in rete su Google.
Nessun link qui presente, dunque, é stato caricato da noi, ma era già disponibile su Google, é stato solo copiato e incollato qui.

Se visiti lo sponsor mi dai la possibilità di inserire nuove risorse!
If you visit the sponsor give me the ability to insert new resources!

Leggi tutto l’articolo

, , ,

No comments yet.

Leave a Reply

*

Powered by AlterVista